fbpx

FERMATI UN ATTIMO PERCHÉ ABBIAMO UN REGALO PER TE GIOVANE!

ARTICOLI POPOLARI

Duomo di Cerignola

CERIGNOLA, 80 METRI DI PURO SPLENDORE

Non molto lontano da Canosa di Puglia, la cosiddetta piccola Roma, troviamo un’altro bellissimo paese della nostra amata Puglia, Cerignola. Paese a volte influenzato da notizie di cronaca, ma che sicuramente ha tanto da offrire, e non vede l’ora di mostrarsi agli occhi della gente che ha voglia di amarlo. Partiamo con il nostro viaggio, alla scoperta di quello che la nostra nuova meta ha da mostrarci!

DUOMO TONTI

Probabilmente è il monumento più conosciuto di Cerignola. Un Duomo alto ben 80 metri , che farebbe concorrenza ai più belli in Europa e nel mondo. Dedicato a San Pietro Apostolo, è stato costruito a cavallo di ‘800 e ‘900, in tufo e pietra di Trani. Il Duomo Tonti é davvero un esempio magnifico di arte e architettura gotica e romanica, l’unica pecca però è l’assenza di affreschi o particolari abbellimenti interni, che lo rendono un pò spoglio.

Duomo di Cerignola

TEATRO COMUNALE MERCADANTE

Dedicato al grande musicista Saverio Mercadante, si trova nella zona centrale di Cerignola. Il teatro fu costruito nella seconda metà del 1800 su un progetto dell’architetto Leopoldo Vaccaro, e fu inaugurato nel 1868. La sua posizione nel cuore della città, negli ultimi anni ha favorito l’apertura di numerosi locali nella piazza antistante, rendendolo  un luogo suggestivo e di ritrovo per tutti i cittadini.

PALAZZO COCCIA-CIRILLO

Uno tra i palazzi più conosciuti del territorio, il palazzo Coccia-Cirillo risale alla fine del ‘700, in un periodo di passaggio tra Roccocò e Neoclassicismo. Le sculture che decorano il palazzo sono sobrie ed eleganti, assieme ai quadri che popolano le pareti, ed alle volte che presentano dei motivi floreali dipinti ad olio. L’arcata interna della scalinata presenta un motivo decorativo identico a quello di Villa Campolieto a Ercolano; questa somiglianza ha fatto ipotizzare che Luigi Vanvitelli abbia realizzato le decorazioni di entrambe le ville. Naturalmente manca la certezza, ma se così fosse, non farebbe altro che accentuare la bellezza di questo palazzo!

PIANO DELLE FOSSE GRANARIE

Cerignola presenta l’ultimo esempio di un’antica modalità di conservazione del grano, lo straordinario Piano delle Fosse Granarie, con almeno 600 fosse estese su un’area di 26.000 metri quadri. Per la maggior parte costruita intorno al 400, la fossa è costituita da una cavità a forma di campana, tinteggiata a latte di calce per evitare il contatto diretto con il terreno, circondata esternamente da un cordolo in pietra locale e chiusa da assi di legno ricoperti da un cumulo di terra. Dal 1982 le fosse sono soggette a un vincolo di tutela emanato dalla Sovrintendenza per i Beni Artistici, Archeologici e Storici della Puglia.
Quanti di voi erano a conoscenza di questo particolare di Cerignola? Scrivetelo nei commenti!

Fosse granarie di Cerignola

MUSEO DEL GRANO

Dedicato alla conoscenza del ciclo di coltivazione di questo cereale, è un vero e proprio motivo di vanto per gli abitanti di Cerignola!Dei pannelli didattici illustrano le fasi di produzione del grano, corredati dalla presenza degli strumenti usati per questo nobile lavoro! Non manca anche una sezione dedicata all’olivo, grande elemento dell’agricoltura di Cerignola e di tutta la Puglia!

Museo del grano

Tra un chicco di grande e la colonna di un palazzo, il nostro giro in quel di Cerignola finisce qui! Vi lasciamo con il solito augurio di una buona lettura e con la speranza che , almeno in parte, grazie a noi, il vostro modo di vedere la nostra amata Puglia possa cambiare! Valorizziamo il nostro territorio, guardiamolo con gli occhi di un turista, guardiamolo con gli occhi di chi ama!

Continuate a seguire MYT e a leggere i nostri articoli, vi ricordiamo che potete seguirci sui social per rimanere aggiornati!

-Make Your Travel

  • Verderamina
    Maggio 26, 2018 at 6:16 am

    Tra le meraviglie elencate manca il fiore all’occhiello di questa città: il complesso monumentale di Torre Alemanna

    • Makeyourtravelblog
      Maggio 31, 2018 at 5:09 pm

      Grazie mille per la segnalazione, lo aggiungeremo alla lista delle cose da visitaredi questa bellissima città

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*