fbpx

ARTICOLI POPOLARI

PASSAPORTO? 7 COSE DA SAPERE!

All’apparenza il passaporto può sembrare un semplice libretto tascabile con la copertina semi-rigida che varia di colore in base agli stati dove viene emesso.

In realtà è fondamentale per chi è abituato a viaggiare: fototessera, dati anagrafici e firma del titolare, sono queste le caratteristiche che lo rendono così importante.

LEGGI ANCHE, ‘COME SI FA E QUANTO COSTA UN PASSAPORTO’

Ecco 7 cose da sapere sul passaporto!

 

1-QUANT’ É FORTE IL TUO PASSASPORTO?

La potenza (o desiderabilità) di viaggio del tuo passaporto è calcolata in base alle relazioni diplomatiche di ogni paese. Ogni passaporto quindi viene analizzato e classificato.

Secondo Passport index l’ Italia con Singapore, Danimarca, Svezia, Finlandia si piazza al secondo posto, infatti con il passaporto emesso da uno di questi stati si può andare in 160 Paesi!

 

2-STOP AI SORRISI

Addio al famoso ‘chees’! Infatti: qualità, stile, illuminazione, espressione e inquadratura della foto sono diventate prerogative fondamentali per la fototessera che apparirà sul passaporto.

Con l’introduzione del passaporto web i cambiamenti che saltano di più alla nostra attenzione sono appunto quelli riguardanti le caratteristiche delle foto.

Le foto infatti oltre a dover possedere un’alta qualità devono essere foto recenti (massimo 6 mesi) ed è richiesto un bel primo piano del viso ed un’espressione neutra e la bocca chiusa!

 

3-EUROPA E SCHENGEN

Trattato Schengen? Nulla di complesso!

All’interno di questa zona, che viene comunemente associata all’Unione europea, i cittadini aderenti al trattato sono liberi di spostarsi senza essere sottoposti a controlli doganali.

L’ area Schengen viene comunemente associata al territorio dell’Unione europea ma non coincide completamente a essa, infatti nei 26 Paesi aderenti vi sono Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera che non fanno parte dell’Unione europea.

LEGGI ANCHE, ‘QUALI PAESI APPARTENGONO ALL’AREA SCHENGEN?’

 

4-BREXIT E PASSAPORTO

Il 23 Giugno 2016 al famoso referendum, la maggioranza degli elettori inglesi ha votato per uscire dal UE.

Ma cosa è cambiato alla frontiera?

In Inghilterra, essendo già un Paese NO-SCENGEN, per oltrepassare la frontiera bisognava essere sottoposti a dei controlli, adesso con la questione ‘Brexit’ nulla di fatto è ancora cambiato.

Diamo per scontato che la carta d’identità non sarà più l’unico documento da presentare alla frontiera del Paese, per il momento nulla è cambiato, quindi presentarsi in aereoporto con la sola carta d’identità non dovrebbe essere un ostacolo (ancora per poco!).

 

5-LA REGINA HA IL PASSAPORTO STAMPATO SUL VOLTO

Alcuni avranno già sentito dire che la Regina Elisabetta d’Inghilterra non ha bisogno di un passaporto per viaggiare.

Non è un mito, è la realtà!

Tutti i passaporti britannici, infatti, hanno la formula ‘in nome della Regina’ stampata su di esso. Per viaggiare la Regina ha bisogno solo di dichiarare che lei è effettivamente la Regina e passare senza effettuare nessun controllo.

 

6-PASSAPORTO PER GLI ANIMALI

Ebbene si, anche gli animali devono avere il passaporto!

Chi viaggia con i suoi animali domestici deve essere consapevole che anche loro necessitano di un passaporto speciale, che deve essere mostrato sia nei paesi dell’UE che non.

Tutta questa attenzione è dovuta soprattutto per non far entrare nei paesi malattie causa di epidemie.

 

7-VISTO TURISTICO SI O NO?

Per visitare il Mondo basta avere con se il passaporto, ma per prolungare la visita in un certo Paese vi è l’obbligo del VISTO TURISTICO detto anche VISA.

Sono sempre meno i Paesi che in aggiunta al passaporto richiedono il visto turistico.

Australia (validità del visto 90 giorni);Cina (validità del visto: da 3 a 6 mesi);Egitto (validità del visto: 30 giorni); Giappone: obbligatorio soltanto per soggiorni superiori a 90 giorni;  India (validità del visto: 90 giorni); Russia (validità del visto: 30 giorni); Stati Uniti: il visto non è obbligatorio, ma occore ottenere l’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization), che va richiesta online, almeno 72 ore prima della partenza, sul’omonimo sito; Sud Africa (validità del visto: 90 giorni); Tailandia: obbligatorio soltanto per soggiorni superiori a 30 giorni.

-Make Your Travel

 

  • Brigitta
    Gennaio 12, 2018 at 3:14 pm

    Wowwww

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*